Loading...

Digitalizzazione a che punto sono le Pubbliche Amministrazioni

Le Pubbliche Amministrazioni hanno iniziato il percorso verso la digitalizzazione. Lento, diffidente, per alcuni normale, per altri necessario. Hanno iniziato a fare affidamento sull’utilizzo di tablet e smartphone iniziando a comprendere i benefici e i vantaggi dello smart working. Secondo il rapporto elaborato da Network Digital4 in collaborazione con Wind Tre, accanto all’apertura nei confronti del lavoro agile si affianca un embrionale consapevolezza che questa forma di lavoro possa tutelare le informazioni sensibili e ottimizzare i costi, grazie agli strumenti di cui si avvale.

Ma oltre alla consapevolezza c’è anche bisogno di iniziativa e urgenza di aprirsi alle nuove soluzioni che offre il mercato. Alcune di queste, come Meeting Book e GoSign, hanno anticipato i tempi. Sono nate quando il concetto di Smart Working e Digital Workplace rimaneva astrazione di una lingua straniera che non si riusciva a tradurre nella lingua madre e nelle pratiche, perché non se ne intuiva il senso, il perché e il motivo. Grandi aziende che in quello stesso momento hanno intercettato il cambiamento, si sono portate avanti, hanno dato una spinta ai loro processi aziendali utilizzando queste applicazioni. Applicazioni “semplici per semplificare”. Ma forse il problema è proprio questo, abituare le PA alla semplicità, all’immediatezza. Troppo a lungo hanno dovuto fare i conti con una burocrazia fatta di carte, carte e ancora carte, invischiati in processi quasi immobili che ne hanno frenato l’efficienza.

Oggi qualcosa è cambiato e le PA puntano a realizzare lo smart working per il quale il 31% ritiene fondamentale la connessione dati. Secondo il rapporto, molti enti locali e comuni utilizzano dispositivi mobili, aziendali s’intende, a supporto delle attività. Ben il 66% usa lo smartphone, mentre il 23% sceglie il tablet. Tuttavia, circa il 93% dei dipendenti delle PA rimangono ancorati al telefono fisso.

Rispetto alla digitalizzazione il dato che emerge dalle PA vede il 73% dei responsabili IT indicare la riduzione dei costi come priorità, mentre il 70% vede come necessità la garanzia di sicurezza dei tool utilizzati. Il 32% dei manager intervistati segnala il bisogno di dotare i dipendenti di terminali e connessione, mentre il 25% vorrebbe poter navigare di più e quindi avere più giga a disposizione.
Le necessità sono chiare e averle individuate è già un buon punto di partenza!

Voi che ne pensate?

Top