Loading...

PA digitale gli utenti giocano un ruolo fondamentale

A differenza di altri settori per una PA digitale la vera spinta arriva dagli utenti. Secondo uno studio effettuato da Fujitsu, infatti, il 64% degli intervistati ammette che sono proprio le aspettative del pubblico in termini di customer experience a rinnovare l’esigenza di offrire ai clienti una serie di servizi fruibili digitalmente. Dall’esterno la necessità di aprirsi all’innovazione si fa quindi portatrice di un cambiamento che necessariamente deve essere accelerato e rispondere agli standard attesi. In tal senso le pubbliche amministrazioni si stanno muovendo, sempre più consapevoli che il processo di svecchiamento è in corso e che nel giro di pochi anni si dovrà dire addio ai sistemi ancora operanti.

Il 55% dei dirigenti pubblici in Europa e il 40% di quelli italiani è consapevole che nel giro di cinque anni il proprio ente cambierà completamente aspetto. L’82% in Europa e il 93% in Italia, invece, riconosce che i mutamenti in corso sono inevitabili. Cambiamenti radicali dei modelli di business interesseranno tutti i settori e secondo il 75% degli intervistati italiani questo permetterà a nuovi player di entrare in gioco sul terreno dell’innovazione.
In generale gli enti pubblici riconoscono la digital disruption come un vantaggio. A confermarlo il fatto che tutti dichiarano di aver già adottato delle misure volte a concretizzare questa trasformazione.

Tuttavia, gli ostacoli permangono e diventano limiti del presente. Tra questi la complessità del cambiamento, la cultura interna stagnante, l’obsolescenza di tecnologie che non dà il tempo di adeguarsi e stare al passo. Tutte sfide che le PA si dicono pronte a fronteggiare per rimanere in partita. Il 66% in Europa e il 64% in Italia ha già investito in nuove tecnologie, il 65% in Europa e l’83% in Italia ha stravolto la sua business strategy puntando sulla formazione. Le digital skill sono fondamentali per avvicinarsi ai clienti, capirli e soprattutto garantire loro un servizio adeguato. A ciò si aggiunge che Il 70% del campione europeo e il 67% di quello italiano pensa sia essenziale la collaborazione con esperti di tecnologia che possano accompagnarli alla digitalizzazione e a tenere testa alla rivoluzione in corso.

Il che significa che chi offre soluzioni innovative avrà l’opportunità di avere un ruolo in partita.
Secondo Hugo Lerias, Vertical Industries, Partner Public Sector & Automotive Business Application Services di Fujitsu Emeia: “Nel momento in cui la digitalizzazione prenderà finalmente piede nel settore pubblico ci aspettiamo che essa possa creare nuove, significative opportunità per i produttori di tecnologia e i partner di canale per far compiere il salto di qualità”.

Speriamo solo non ci voglia troppo!

Top